Project & Design:
Ultima modifica:
Hosted on

eXTReMe Tracker

Pubblicato nel 1814, Mansfield Park è considerato il più controverso e cupo dei romanzi di Jane Austen.
La critica lo accolse in modo molto freddo a differenza delle altre opere come Orgoglio e Pregiudizio e Ragione e Sentimento. La Austen di questo scrisse all'editore Murray: " Non posso che rammaricarmi del fatto che un uomo tanto intelligente come il recensore di Emma consideri Mansfield Park indegno di essere menzionato.." La luce, che è presente in Orgoglio e Pregiudizio, manca totalmente in questo libro che invece è caratterizzato per il suo aspetto cupo e moraleggiante. Questo, ad una prima lettura, dato che una più approfondita rivela la leggera ironia con cui Jane Austen critica proprio i principi morali e le regole di comportamento della società. Proprio il comportamento femminile è criticato perché porta alla solitudine e all'umiliazione di sé. L'esempio è dato dall'eroina, Fanny, che vive nella più completa ombra, senza esprimere le proprie opinioni.
Alla passività di Fanny è contrapposta la vivacità di Mary. Lei e suo fratello Henry sono i rappresentanti di un nuovo ceto sociale, quello della borghesia urbana, che come principi si contrappone a quello dell'aristocrazia di campagna di cui Mansfield Park fa parte. Alla fine però è Fanny che trionfa, mentre Mary è relegata alla solitudine.
Sono i valori moraleggianti che vincono, ma non significa che Jane Austen li sosteneva. Infatti, anche se il finale è caratterizzato da una netta distinzione tra i buoni e i cattivi, l'autrice critica entrambi i ceti sociali di appartenenza soprattutto per il fatto che restringono l'ambito di azione della donna.
E' nella finzione teatrale che Jane Austen permette ai suoi personaggi di esprimere i loro veri sentimenti. Nella recita le rigide regole comportamentali vengono meno, lasciando spazio alle vere emozioni.
Il finale è caratterizzato tra il matrimonio tra Fanny e Edmund. Potrebbe sembrare il classico "lieto fine", ma l'impressione che si ha non è così. La protagonista ottiene quello che vuole, ma il modo con cui Edmund si accorge di essere innamorato di Fanny è così repentino che lascia dubbi sulla profondità del sentimento. Inoltre Fanny, rimanendo a Mansfield Park, rimane ancora ancorata alla posizione di sottomissione che aveva sempre assunto. Il finale rivela l'amarezza dell'autrice per la rigidità del sistema e ha dimostrato che l'unico modo per una donna di condizioni economiche non agiate di avere affetto e benefici è quello di essere umile e sottomessa.

 
Desideri acquistare il libro?
Mansfield Park
,
Ordina da iBS Italia

Desideri acquistarlo in inglese?
Mansfield Park
Ordina da iBS Itali
a

 

Ritorna alle critiche